30 settembre 2013

Abruzze (P. De Rosa)

2 commenti:

Questo è un bellissimo canto "fresco fresco" di inserimento nel nostro repertorio 2013/14... Da gustare con degli spaghetti alla chitarra al ragù e una caraffa di vino della casa.



 


Lu sole s’arisvejje a la marine,
si vasce doce doce ‘nchi lu mare
nu paradise addò ‘nci sta lu pare:
paese mè si fatte pe’ vvidè!
Rit. Abruzze Abruzze, terre che nisciune po’ lassà!
E i’ vicin’a ttè mi sente gne nu re
a dirte core mè ‘nti lasse ‘cchiù!
Abruzze Abruzze, terre che nisciune po’ scurdà!
Ma i’ stinghe ‘nghi ttè e cante o gioja mè
Abruzze mi si fatte ‘nnammurà!
La ggente di sta terre è generose,
e sempre nu surrise ti sa dà.
Billezze genuine assai fine:
paese mè si fatte pe’ ‘ncantà!
(rit.)

Lu sole s’addurmejje a la muntagne,
s’abbracce e s’accarezze la Majelle
‘na pace mo si spanne entr’a stu core:
paese mè si fatte pe’ sugnà!
(rit.)
Finale: Abruzze mè!