10 giugno 2012

La canzone de lu grane (N. Mattucci - A. Di Jorio)

Nessun commento:


'N mezze a lu grane nasce na canzone 
voce dell'alme e fonte de suspire 
come lu sole è luce e passione; 
canta la vocche e parle ss'ucchie nire.

8 giugno 2012

La ruella (A. Di Jorio)

Nessun commento:


Ci stave na ruella 
nghi cinche, si' scalelle 
e pò na casarelle puverelle, 
addò tant'ann'arrète 
nasceve 'na criatura 
che mo fa lu puète e vvo' cantà. 
E pe' cantà ritorne a rivedè 
la ruellucce de la casa sè. 

La canzone de nonne (A. Polsi)

Nessun commento:


Te vuje raccuntà 'na cosa vere... 
che po' sembrà, chi sa, 'na favulette. 
De tempe n'è passate e ogne sere 
i' m'arecorde nonne a la stess'ore. 

7 giugno 2012

L'arte chiu' prelibbate (G. Sigismondi)

Nessun commento:


Prime di mattutine esce lu marinare
lasse la cara spose a fà la durmicchiare;
la sera all'imbrunire, stanche s'arripresende
ma la faccia surridente l'aricunzole, larillirà!

L'Acquabbélle (De Titta - G. Albanese)

Nessun commento:




«l'Acquabbèlle è una sorgente che sgorgava a sud di Ortona tra la vecchia ferrovia e il mare, qualche chilometro prima delle spiagge di San Vito. Ora è di fatto sommersa e inaccessibile ma un tempo era meta di scampagnate festose. La canzone fotografa il clima di incontenibile festosità che ne accompagnava la visita rituale.» (da Le avarizie della fortuna - Guido Albanese, musicista popolare di Francesco Sanvitale)